Sistema Solare addio alla via lattea

Il nostro sistema solare potrebbe incorrere in un serio pericolo che potrebbe avere terribili conseguenze sull’intera esistenza. Potrebbe succedere fra due miliardi di anni, quando il nostro Sistema Solare, la Grande nube di Magellano, potrebbe scontrarsi accidentalmente con la Via Lattea, creando in questo modo un gigantesco buco nero gigante che risiede nel suo centro, con effetti catastrofici. Tutto ciò potrebbe avvenire fra due miliardi di anni, ossia molto prima del previsto scontro del nostro Sistema Solare con la galassia di Andromeda. Lo studio sull’allontanamento del nostro Sistema Solare è stato reso noto sulla rivista Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, insieme all’Università britannica di Durham con la partecipazione dell’Università finlandese di Helsinki. La ricerca si concentra in particolar modo sulla simulazione compiuta con la super intelligenza artificiale Eagle, che è consapevole di prevedere le terribili conseguenze degli urti fra le galassie. Il punto da cui si è partiti è stata l’idea che la Grande nube di Magellano sta, ogni tempo che passa, lasciando energia ed è prossima a ad uno scontro con la Via Lattea. "La nostra galassia finora ha avuto solo poche collisioni, e con galassie di massa molto ridotta", ha raccontato una delle promotrici dello studio sul nostro Sistema, Alis Deason, dell’Università di Durham. Ma i gravi effetti dell’impatto con la Grande nube di Magellano potrebbero essere addirittura molto più catastrofici di quanto si possa solo immaginare: lo scontro farebbe sì che il buco nero al centro della Via Lattea si risvegli e diventi più vorace, costringendo ad inghiottire tutto ciò che gli ruota attorno e ad aumentare il suo volume di ben dieci volte superiori al normale, con conseguenze inimmaginabili per l’intero universo, incluso il nostro Sistema Solare, che dagli estremi bordi della Via Lattea verrebbe condotto al di fuori della galassia intera, stando a questa interpretazione scientifica.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*