Libri scolastici, Campidoglio sigla procedura concordata con Confcommercio e Confesercenti

Garantire la fornitura gratuita dei libri di testo, tramite cedole librarie digitali, agli alunni residenti nel territorio di Roma e frequentanti le scuole primarie (statali e paritarie). E’ l’obiettivo della procedura concordata firmata in Campidoglio tra l’amministrazione capitolina, Confcommercio (ALI e Assocart) e Confesercenti (Sil). L’atto, in via sperimentale, avrà validità triennale a partire dall’anno scolastico 2018/2019 fino all’anno scolastico 2020/2021.

Le cedole, legate a Codici Pin, saranno distribuite dal Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici ai vari istituti, in misura equivalente al fabbisogno segnalato, e poi alle famiglie degli alunni iscritti. L’utente presenterà la cedola all’esercente, che ne curerà la lavorazione fornendo i testi già disponibili e prenotando quelli mancanti per la successiva consegna. Le famiglie degli alunni residenti in altri comuni, anche se frequentanti istituti di Roma Capitale, dovranno richiedere le cedole librarie direttamente al proprio Comune di residenza.

Il libraio provvede alla fornitura o all’ordine dei testi richiesti contestualmente all’effettiva consegna del PIN elettronico essendo vietati anticipi e/o restituzioni economiche. Tale violazione sarà ritenuta pratica commercialmente scorretta e sanzionabile con la relativa sospensione dall’elenco delle librerie convenzionate con Roma Capitale e l’eventuale segnalazione alle Autorità competenti.
Il codice PIN (cedola libraria digitale) potrà essere utilizzato, entro e non oltre il termine del ‪20 dicembre 2018, ‪20 dicembre 2019, ‪21 dicembre 2020, presso una delle librerie convenzionate con Roma Capitale.

Ogni esercente potrà adottare le misure organizzative giudicate più opportune per garantire l’ottimizzazione e lo snellimento delle operazioni. Ogni messaggio informativo relativo alla procedura di acquisizione e gestione dei buoni libro e delle cedole dovrà essere, oltre che redatto in linguaggio semplice e chiaro, visionato e approvato da Roma Capitale prima dell’esibizione alla clientela.

Roma Capitale provvederà, inoltre, all’erogazione dei sussidi per la gratuità, totale o parziale, dei libri di testo in favore degli alunni appartenenti a famiglie meno abbienti frequentanti le scuole dell’obbligo e secondarie superiori, in possesso dei requisiti, mediante rilascio di specifici codici pin univoci (Buono-Libro Digitale) agli utenti che ne abbiano fatto richiesta on line.

“Stiamo migliorando la qualità dei servizi educativi e scolastici pianificando impegni e scadenze con largo anticipo e puntando su sinergie con tutte le realtà che possono contribuire in modo proficuo. In particolare dedichiamo un’attenzione particolare alle fasce meno abbienti della popolazione, affinché i servizi pubblici siano sempre accessibili a tutti, anche grazie a un forte coinvolgimento degli esercenti”, dichiara la Sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi

“Lavoriamo sulla base di un’attenta programmazione, in modo da assicurare alle famiglie un miglior livello qualitativo per un servizio essenziale. Per questo abbiamo firmato un atto con validità triennale che ci consentirà, eventualmente, di apportare miglioramenti e di rafforzarne l’efficacia lungo il percorso, tramite un’oculata azione di monitoraggio. La scuola si conferma una priorità per questa amministrazione, che vuole garantire servizi sempre più vicini alle famiglie”, spiega l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidale Laura Baldassarre.

“Siamo soddisfatti per la sottoscrizione di questa accordo che auspichiamo si possa migliorare nei prossimi anni grazie alla disponibilità dimostrata dall’Assessorato a lavorare anche su altri progetti che coinvolgono le librerie. Noi ci impegneremo a coinvolgere il maggior numero di librai possibile affinché venga preservato il valore del nostro lavoro e per porre fine al commercio illecito dei libri messo in atto dai distributori fuori le scuole” commentano per Confcommercio Matteo Roccas, presidente Assocart e Ilaria Milana consigliera Ali.

“Il Sil Confesercenti conferma la propria soddisfazione per la disponibilità fornita dalla Pubblica Amministrazione circa la stesura di un accordo con validità triennale che dovrebbe portare maggiori certezze di diritti e doveri per librai e cittadini. Abbiamo comunque ribadito la richiesta indirizzata a Roma Capitale per un sostanziale aumento degli aiuti alle famiglie che purtroppo rimangono fermi a sette anni fa”, commenta Maurizio Piscetta, Presidente Sil Confesercenti di Roma.



 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Facebook
Twitter
Instagram
@italiasera
Google+
Meteo
Oroscopo
Borsa
Camera dei Deputati
Senato della Repubblica
Guida TV