Italiaonline: stop agli esuberi, accordo raggiunto

I 400 esuberi, previsti per Italiaonline (ex Seat Pagine Gialle), sono stati trasformati in cassa integrazione con l’obiettivo di riorganizzazione i successivi 6 mesi (dal 12 luglio all’11 gennaio 2019). Entro il 30 ottobre 2018, circa 250 dipendenti potranno scegliere se usufruire di un meccanismo di incentivazione all’esodo volontario, altri 150 invece saranno ricollocati in varie funzioni (70 nella digital factory).

Un accordo raggiunto all’ultimo secondo, considerando che, senza l’intesa, alla mezzanotte del 2 luglio sarebbero partiti necessariamente i licenziamenti.

Nell’accordo sul futuro di Italiaonline, che non è stato ancora formalizzato ufficialmente, hanno collaborato i sindacati di categoria (Slc Cgil, Uilcom Uil e Fistel Cisl) e l’azienda, confermando i 92 trasferimenti dalla sede di Torino a quella di Milano (anche se in dieci potranno decidere di uscire volontariamente con degli incentivi). È stato previsto, tuttavia, che l’azienda, durante il primo anno, paghi ai dipendenti l’abbonamento ai trasporti (treno e metro).

Soddisfatto il segretario nazionale della Uilcom Uil, Luciano Savant: "La cosa più importante è che abbiamo respinto i licenziamenti e raggiunto un accordo di tenuta per i prossimi sei mesi, siamo molto soddisfatti, anche della mediazione del ministero e del ministro Luigi Di Maio che ha partecipato al tavolo". Si unisce a lui anche il segretario generale della Fistel Cisl, Vito Vitale: "La logica resta difensiva, la cassa integrazione è per ristrutturazione e questa è una cosa positiva, in generale siamo soddisfatti per quel che può dare soddisfazione un accordo difensivo" è, infine, il commento del segretario generale della Slc Cgil, Fabrizio Solari.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Meteo

Guida TV

Borsa

Oroscopo

Camera dei Deputati TV

Senato della Repubblica TV

Assemblea Capitolina TV

Parlamento Europeo TV