Comunali: Lega avanza, M5s frena

Lega avanti, con un risultato che trascina il centrodestra, mentre il Movimento Cinque stelle esce ridimensionato. E’ questa la prima fotografia del voto delle amministrative in oltre 700 comuni italiani di cui 20 capoluoghi di provincia, dove il centrosinistra tiene pur perdendo in alcune città importanti come Catania e Terni, anche se conquista Brescia. E’ questa la prima fotografia del voto delle amministrative in oltre 700 comuni italiani di cui 20 capoluoghi di provincia, che però non è condivisa dal leader politico dei pentastellati Luigi Di Maio: "è una lettura falsa - dice -. Davide continua a vincere contro Golia". Soddisfazione invece in casa Lega: "Cresciamo dappertutto - commenta a caldo il governatore del Veneto Luca Zaia - e abbiamo saputo trasformare il consenso politico in progetto".
Il centrodestra vince al primo turno a Vicenza e Treviso proprio grazie alla buona affermazione del Carroccio (che nel secondo comune sfiora il 20%), così come anche a Catania: l’europarlamentare di Fi Salvo Pogliese batte Enzo Bianco al primo turno. A Pisa è invece testa a testa: Il candidato di Lega, Forza Italia e Fdi, Michele Conti, è vantaggio con il 33% rispetto ad Andrea Serfogli, che guida una coalizione composta da Pd e tre liste civiche, e che è al 32,5%. Brusca frenata del M5S che si attesta intorno al 10% e perde molti consensi rispetto al voto delle politiche del 4 marzo. I Dem conquistano al primo turno Brescia con Emiliano Del Bono con il 53,9% e partecipano della vittoria a Trapani di Pippo Tranchida che viaggia su percentuali molto alte (il 70% delle preferenze dopo lo spoglio di 14 sezioni su 70). Che il Pd debba "cambiare" è fuori discussione, commenta via Twitter Paolo Gentiloni, "ma la notizia della sua morte era fortemente esagerata".
La tornata elettorale, che vede il calo dell’affluenza (ferma al 61,19% rispetto alle ultime omologhe col 67,24%), segna il ritorno di Claudio Scajola che nella ’sua’ Imperia è il più votato e conquista il ballottaggio con l’altro candidato del centrodestra, Luca Lanteri in corsa per il ’Modello Toti’. Vittorio Sgarbi si afferma a Sutri diventando sindaco per la seconda volta (dopo Salemi). Ad Anagni, Casapound conquista il ballottaggio e se la vedrà con il centrodestra. E sfida a due, e al femminile, sarà anche ad Imola dove si andrà al secondo turno il 24 giugno prossimo: Carmen Cappello, sostenuta dal Pd e dagli alleati, si ferma, infatti, al 42% e se la vedrà con Manuela Sangiorgi del Movimento 5 Stelle, che ottiene il 29,2%.



 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Facebook
Twitter
Instagram
@italiasera
Google+
Meteo
Oroscopo
Borsa
Camera dei Deputati
Senato della Repubblica
Guida TV