Facebook, i dati usati per portare i social su smartphone

Secondo il vicepresidente di Facebook Ime Archibong, Facebook ha dato accesso ai dati degli utenti ai costruttori di dispositivi mobili al solo scopo di portare il social network sui diversi smartphone esistenti, in un periodo in cui non c’erano i negozi di app.
La dichiarazione è una risposta al New York Times per il quale FB avrebbe stipulato accordi con almeno 60 produttori. I costruttori hanno "firmato accordi che impedivano l’uso delle informazioni" per scopi diversi, scrive, e hanno chiesto il consenso degli utenti.
Facebook spiega. "Nei primi giorni del ’mobile’ non c’erano negozi di app, quindi aziende come Facebook, Google, Twitter e YouTube dovevano lavorare direttamente con i produttori di sistemi operativi e dispositivi per portare i loro prodotti nelle mani delle persone".
"Nell’ultimo decennio - afferma il manager Archibong - circa 60 aziende li hanno utilizzati, tra cui Amazon, Apple, Blackberry, HTC, Microsoft e Samsung". "Dato che queste API hanno consentito ad altre società di ricreare l’esperienza di Facebook, le abbiamo controllate in modo stretto sin dall’inizio. Questi partner hanno firmato accordi che impedivano l’utilizzo delle informazioni degli utenti per scopi diversi", sottolinea Archibong. Inoltre "i partner non potevano integrare le informazioni nei dispositivi senza il permesso dell’utente". "Contrariamente alle affermazioni del New York Times, le informazioni degli amici, come le foto, erano accessibili sui dispositivi solo quando le persone decidevano di condividere le proprie informazioni con quegli amici", prosegue il manager, che rimarca: "Non siamo a conoscenza di eventuali abusi da parte di queste aziende".



 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Facebook
Twitter
Instagram
@italiasera
Google+
Meteo
Oroscopo
Borsa
Camera dei Deputati
Senato della Repubblica
Guida TV