DALLA LEGALITA’ AI DIRITTI UMANI, ’PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI’ TROVA CASA NELLA NUVOLA DI FUSKAS

Una XVI edizione che, come è giusto che sia (lasciata la tradizionale sede del Palazzo dei Congressi dell’Eur), trova una prestigiosa cornice: la Roma Convention Center-La Nuvola, l’avveniristico centro congressuale progettato da Massimiliano Fuksas in quel dell’Eur. Oggi infatti ’La Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria’ (in ’cartellone’ dal t6 al 10 dicembre), rappresenta non solo un’imperdibile occasione per immergersi nelle mirabilia delle opere letterarie, ma un evento a se stante, i cui numeri da soli spiegano la consolidata dimensione raggiunta negli anni dalla rassegna ’Più libri più liberi’. Parliamo infatti di circa 500 editori coinvolti (ben 100 in più rispetto alla passata edizione), e di 550 appuntamenti (+200 rispetto 2016), per oltre 1.000 autori tutti da leggere. Come ha tenuto a sottolineare Franco Levi,presidente dell’Aie, presentando la manifestazione, dopo un lungo periodo di crisi, questa sedicesima edizione si inserisce in un momento positivo dell’editoria, che rappresenta "con poco meno di 3 miliardi di fatturato all’anno di gran lunga la prima industria culturale di tutto il Paese. Vale 14 volte la musica, 8 volte il cinema, vale qualche centinaio di milioni di euro di più di quello che realizzano i giornali. Si tratta di una grande industria culturale - ha osservato il ancora il presidnte dell’Aie - che si regge in un Paese in cui si legge poco. In questa situazione, un libro su tre è fatto dai piccoli e medi editori. Da qualche tempo - ha poi aggiunto Levi - tutti i numeri del mondo del libro hanno davanti il segno più. Un segno ancora piccolino ma tutto sta andando nella direzione giusta". Qust’anno il filo conduttore è rappresentato dalla ’Legalità’. E dunque, fra gli appuntamenti ’istituzionali’, segnaliamo: l’apertura della fiera, inaugurata dal ministro dei Beni culturali e del Turismo Dario Franceschini (il 6 dicembre) il quale, affiancato dal presidente del Senato, Pietro Grasso, parteciperà a due appuntamenti in programma: alle 11.45, nel Caffé letterario, interverrà all’incontro ’Politica e antimafia’ con il giornalista Lirio Abbate mentre, alle 12.45, sarà protagonista della diretta Rai della trasmissione ’Speciale Quante Storie’ condotta da Corrado Augias. Il giorno dopo sarà poi la volta del capo della Polizia, Franco Gabrielli, e del presidente del Coni, Giovanni Malagò, i quali presenzieranno all’incontro ’Legalità e Sport’. Ovviamente in un contesto dedicato a una dimesnione priva di confini, che la letteratura rappresenta, grande attenzione anche ai diritti umani, che catalizzeranno diversi appuntamenti. Ad esempio, in tal copntsto segnaliamo l’ospite d’onore Sergio Maldonado (fratello maggiore di Santiago, l’attivista argentino 28enne scomparso nell’agosto durante la repressione di una protesta degli indigeni mapuche in Patagonia e ritrovato morto nel mese di ottobre) il quale - proprio in coincidenza nella Giornata Mondiale dei Diritti Umani - il 10 dicembre alle 17.15, si confronterà con Taty Almeida (una delle madri di plaza de Mayo), Michela Murgia e Alessandro Leogrande. Come ha commentato l’assessore alla Cultura della Regione Lazio (che sostiene la manifestazione), Lidia Ravera, "Ogni anno la Fiera diventa sempre più necessaria e la Regione Lazio è al fianco dell’editoria piccola e media. Quella che potremmo definire l’editoria altra. Un settore che richiede una grande passione e che non vive solo di mercato ma di ricerca e di scouting. E’ un settore che lotta in condizioni avverse e che ha bisogno d’aiuti da parte di chi maneggia denaro pubblico sicuramente, ma anche da chi maneggia denaro privato". Inoltre, nel corso della fiera, saranno molti i temi di stretta attualità, come il terrorismo, la politica del numero uno della Casa Bianca, Donald Trump e il futuro dell’Europa. La politica vedrà un parterre formato da illustri rappresentati come Romano Prodi, Marco Minniti e Valeria Fedeli, mentre a parlare di unioni civili sarà Monica Cirinnà. Si parlerà inoltre di mafia con Attilio Bolzoni, della Russia con Ezio Mauro. Tra gli altri appuntamenti della kermesse, la presentazione del libro di Walter Veltroni, ’Quando’, in dialogo con Gigi Proietti. Come ha infine tenuto ad evidenziare il vicesindaco di Roma, e assessore alla Cultura, Luca Bergamo: "L’editoria indipendente è uno strumento fondamentale per la realizzazione dei diritti culturali che sono una condizione per lo sviluppo economico del Paese. Questa imprenditoria ha a che fare con la natura di questa città che non è mai stata una metropoli industriale ma si avvale di una capacità imprenditoriale diffusa e del settore dell’artigianato". Numerosi ed altrettanto prestigiosi anche glòi autori - italiani ed internazionali - così come i giornalisti che interveranno alla manifestazione ospite della Nuvola, per presentare i loro libri: dalla filosofa Ágnes Heller a Fernando Aramburu, l’autore rivelazione con il romanzo ’Patria’. Tanti gli italiani che arriveranno alla Nuvola: Giancarlo De Cataldo, Andrea Camilleri, Edoardo Albinati, Massimo Recalcati, Massimo Carlotto, Walter Siti, Antonio Manzini, Marco Malvaldi, Alessandro Baricco, e Roberto Saviano. Ancora una volta, a sostenere la manifestazione sarà presente anche la Società Italiana Autori ed Editori, con la seconda edizione di ’Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura’. Nello specifico, si tratta di bandi rivolti a privati, aziende, enti e associazioni che presentino un progetto a sostegno di autori, artisti ed interpreti esecutori under 35.
M.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Facebook
Twitter
Instagram
@italiasera
Google+
Meteo
Oroscopo
Borsa
Camera dei Deputati
Senato della Repubblica
Guida TV