AD 86 ANNI SI È SPENTO ALDO BISCARDI, IL PAPÀ DEL TALK SHOW CALCISTICO CHE INVENTÒ IL ’PROCESSO DEL LUNEDÌ’

A modo suo ha rivoluzionato il giornalismo sportivo, trasformando un argomento prettamente settoriale (e fino ad allora ad appannaggio di un pubblico per lo più maschile), in un vero e proprio salotto televisivo, con opinionisti e giornalisti - nella migliore accezione della sana e buona cultura popolare - a rimbeccarsi come fossero in un bar. Il prossimo 26 novembre avrebbe compiuto 87 anni, ma il mitico Aldo Biscardi ci ha purtroppo lasciati prima. Nato a Lanno, in provincia di Campobasso, l’inventore de ’Il processo del lunedì’, laureato in giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli, sceglie da subito il giornalismo sportivo iniziando a collaborare con il quotidiano ’Il Mattino’. Seguirà poi l’ascesa nel quotidiano ’Paese Sera’, dove diventa caporedattore delle pagine sportive. Nel 1979 entra in Rai, qui diviene prima caporedattore, e poi vicedirettore del Tg3 fino al 1983, quando esordisce come giornalista-conduttore anno con ’Il processo del Lunedì’, che guiderà per 10 anni fino a quando, nel 1993, replica in diretta al duro attacco telefonico di Silvio Berlusconi. Un episodio che segna la sua carriera fino a maturare l’idea di lasciare la Rai assumendosi l’incarico di lanciare – nelle vesti di direttore responsabile della testata giornalistica - Tele+, il primo canale sportivo a pagamento in Italia. Un ambizioso ‘cambio di casacca’ che per motivi di copyright trasformano Il nome del suo seguitissimo ed amato programma ne ’Il processo di Biscardi’. Un divertente e collaudato salotto che nel 1996 trasferisce su Telemontecarlo, poi diventata La7, dove resta fino al 2006. E’ l’anno della cosiddetta ‘Calciopoli’ e, suo malgrado, alcune sue telefonate – irrilevanti – con l’allora dg della Juventus Luciano Moggi finiscono tra le intercettazioni. Un incidente che comporta a Biscardi mesi di sospensione da parte dell’Ordine dei Giornalisti. Il giornalista, per protesta deciderà di non rientrare più nell’Ordine. Tuttavia ‘Il Processo’ (sportivo), prosegue attraverso i maggiori circuiti televisivi fino al 2016. Un personaggio amato dagli italiani e reso ancora più simpatico dalla sua cadenza molisana che spesso sfociava in veri e propri strafalcioni dialettici, sui quali il giornalista – grande professionista televisivo – probabilmente giocava, sapendo di accattivarsi ulteriori simpatie. A lui, come dicevamo, va riconosciuto il merito di aver sdoganato lo sport più seguito del mondo, trasformandolo in un imperdibile appuntamento televisivo.
M.

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*

Meteo

Guida TV

Borsa

Oroscopo

Camera dei Deputati TV

Senato della Repubblica TV

Assemblea Capitolina TV

Parlamento Europeo TV