‘EUROSCETTICISMO’ SULLA BREXIT, IL PRESIDENTE JUNCKER TEME TEMPI LUNGHI: ‘FASE 2 A OTTOBRE? CI VORREBBE MIRACOLO’

Lo ha affermato senza mezzi termini, commentando le tre priorità interne all’accordo di ritiro del Regno dall’Unione, come diritti dei cittadini, accordo finanziario e questione irlandese, "alla fine di questa settimana" di negoziati tra le delegazioni dell’Ue e del Regno Unito “a meno che non succeda un miracolo, dico che non ci saranno progressi sufficienti". Ne è convinto Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione Europea, incontrando i media a margine del Digital Summit a Tallinn, in Estonia. El resto gli accordi parlano chiaro: se il Consiglio Europeo (ovvero i 27 all’unanimità), non accerta che nei negoziati sono stati fatti "progressi sufficienti" circa le tre priorità, come spiega il mandato dato a Michel Barnier dai 27, i negoziati con il Regno Unito, non potranno passare alla seconda fase, relativa alla futura relazione tra Ue e Gran Bretagna. Ricordiamo che la prossima riunione del Consiglio Europeo sarà il 19 e 20 ottobre; quella successiva il 14 e 15 dicembre. Intanto ieri, pur ammettendo che ‘qualcosa si è mosso’, ha affermato che purtroppo si è ancora "lontani" dall’aver fatto "progressi sufficienti", aggiungendo che potrebbero occorrere "settimane", se non "mesi".
M.


 

0 Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

La tua email non verrà pubblicata. Campi richiesti*
Facebook
Twitter
Instagram
@italiasera
Google+
Meteo
Oroscopo
Borsa
Camera dei Deputati
Senato della Repubblica
Guida TV